In Ambiente ed energie, Novità

Tu quanto sprechi?

Qualche tempo grazie ad un progetto video di Marco Pieraccioli ci siamo chiesti a voce alta “cos’è realmente la sostenibilità?”. Insieme ad altri amici abbiamo cercato di rispondere ma senza ricorrere a filosofie di massima che sembrano appartenere ai governi più eloquenti. Semplicemnte abbiamo parlato dei nostri progetti, delle nostre preoccupazioni, di ciò che facciamo con passione. Insieme ad altri amici infatti crediamo sia possibile fare impresa, progettare nuovi modelli di business portando avanti progetti che facciamo bene al proprio tornaconto in termini di ritorno dell’investimento ma che tengano ben presente gli interessi di tutti ambiente compreso.

Grazie a Marco Pieraccioli e al suo reportage, la sostenibilità viene raccontata così com’è, ovvero reale, quotidiana, concreta perchè come lui stesso dice “la partita della sostenibilità si gioca anche su un piano quotidiano, cittadino e personale…”
Su Lifegate trovate la prima puntate del reportage che parla di uno dei tasselli della sostenibilità reale, lo spreco alimentare.

5-febbraio-giornata-contro-lo-spreco-alimentare-1024x814

Proprio qui nasce la domanda, tu quanto sprechi? Quanto sprechiamo in termini di cibo o acqua ogni giorno?

La risposta è davvero una cifra enorme. In Italia secondo una stima di Coldiretti circa 10 milioni di tonnellate di cino ancora commestibile finisce nella spazzatura perchè non rispetta i nostri canoni estetici o perchè viene comprato in eccedenza. Come dimostra la storia di Senza Spreco, un progetto educativo ideato dalla cooperativa fiorentina Le mele di Newton, lo spreco alimentare può essere intercettato, contrastato e ridotto. Come? Nella pratica, partendo da un’azione integrata nelle scuole di sensibilizzazione e educazione. Ma non solo, iragazzi di Senza Spreco hanno dato vita ad un secondo circuito di vendita un vero e-commerce dello spreco alimetare. Ci siamo anche noi sul market place di Senza Spreco dove  tutti hanno la possibilità di acquistare a prezzi super scontati le eccedenze alimentari di grossisti e venditori che diversamente finirebbero nella spazzatura. In questo modo invece si incontrano i bisogni di tutti.

Per scoprirne di più vi consigliamo di seguire la pagina di Lifegate per conoscere le realtà intervistate durante la realizzazione di questo progetto sullo sviluppo sostenibile

Recommended Posts
Contattaci!

Bisogno di aiuto? Scrivici e ti risponderemo il prima possibile!

Not readable? Change text. captcha txt

Inserisci i termini di ricerca e premi invio